Gestione Separata: nuovi importi di indennità di malattia e degenza ospedaliera

Aumenta l’indennità di malattia a favore dei lavoratori parasubordinati. L’INPS ha aggiornato gli importi dell’indennità giornaliera per gli eventi di malattia relativi al 2018. I lavoratori iscritti alla Gestione Separata, nei casi di malattia di durata non inferiore a 4 giorni, hanno diritto a un’indennità giornaliera erogata dall’INPS. Destinatari della tutela sono i lavoratori parasubordinati, …

Assegno per il nucleo familiare ai nonni: quando ne hanno diritto?

L’assegno al nucleo familiare è una forma di sostegno al reddito erogato dall’Inps. In genere per nucleo familiare si intende quello composto da genitori e figli, ma non sono rari i casi in cui siano presenti ad esempio i nipoti. Questo perché sempre più spesso accade che nessuno dei due genitori svolga attività lavorativa, a …

Pensione di reversibilità per il coniuge superstite con figli

La pensione di reversibilità è una prestazione di tipo previdenziale in favore di alcuni parenti di lavoratori o pensionati deceduti, con posizione previdenziale Inps o già titolari di una pensione erogata dall’Inps. La “riforma Dini” del 1995, con la legge 335 del 1995, prevede che in caso di decesso del coniuge, l’importo della pensione di …

Lavoro e assenza per malattia: fasce di reperibilità e differenze tra pubblico e privato

Il nostro sistema di previdenza prevede prestazioni di diverso genere a tutela di particolari eventi che possono verificarsi nella vita professionale di un lavoratore. Tra questi, assume particolare rilevanza, per numeri e frequenza, la tutela della malattia, ossia del periodo in cui un soggetto si trovi ad essere temporaneamente impossibilitato a svolgere la propria attività …

Malattie professionali, proseguono a Palermo il 15 gennaio i seminari Inail

Con l’incontro in programma a Palermo presso i Cantieri culturali alla Zisa, che vedrà la partecipazione di esperti e medici legali, prosegue la collaborazione volta a individuare percorsi condivisi a tutela dei lavoratori Dopo gli incontri già svolti a Milano e Bologna, rispettivamente a luglio e novembre 2018, prosegue martedì 15 gennaio a Palermo l’attività …

DECRETO QUOTA 100: slitta l’approvazione

Bisogna attendere ancora qualche giorno per la versione definitiva del decreto legge su Reddito di cittadinanza e Quota 100: l’approvazione slitterà probabilmente alla prossima settimana. La bozza contiene tutte le novità relative all’accesso alla pensione con Quota 100. In via sperimentale per il triennio 2019-2021, tutti i lavoratori assicurati presso l’INPS potranno avere accesso alla …

L’aspettativa di vita… nella bozza del decreto Quota 100

Con la bozza del decreto è stata fatta chiarezza su una serie di misure in ambito pensionistico: tra queste l’incremento dell’aspettativa di vita. Infatti dal 1° gennaio 2019 è scattato l’aumento di 5 mesi per l’adeguamento delle pensioni alle aspettativa di vita. Sulla base della normativa in vigore, l’incremento temporale deve essere applicato sia al requisito anagrafico, cioè al compimento …

L’OPZIONE DONNA 2019 … nella bozza del decreto

Le lavoratrici dipendenti nate entro il 31-12-1960 e quelle con contribuzione mista o da lavoro autonomo, come le artigiane, le commercianti e le coltivatrici dirette, nate entro il 31-12-1959, potranno accedere alla pensione di anzianità interamente calcolata con il sistema contributivo, senza attendere l’età pensionabile e senza dover raggiungere i maggiori requisiti previsti per pensione …

PENSIONI 2019: Mauro, scelgo Quota 100 per stare con la famiglia

Qualche dettaglio da limare ma l’impianto della nuova legge che modificherà l’accesso alle pensioni in Italia sembra ormai essere chiaro: 62 anni di anzianità e 38 anni di contributi i requisiti minimi per accedere al provvedimento denominato Quota 100. Mauro C., 63enne con 40 anni di lavoro alle spalle nel settore industriale, si era rivolto al …

Il riscatto dei vuoti contributivi…nella bozza del decreto Quota 100

La bozza del decreto Quota 100 prevede l’introduzione, in via sperimentale per il triennio 2019-2021, di una nuova facoltà di riscatto dei periodi privi di contribuzione. Questa misura però non è valida per tutti. Solo chi appartiene al sistema previdenziale contributivo, vale a dire chi non ha contributi precedenti il 1° gennaio 1996, può riscattare periodi privi di copertura contributiva compresi tra …