Il diritto allo studio nel lavoro domestico

Sono tantissimi i casi di studenti-lavoratori nei vari ambiti lavorativi, persone che decidono di completare il loro ciclo di studi impegnandosi parallelamente nel lavoro. Oggi parliamo dei lavoratori del settore domestico, come colf e baby-sitter ad esempio: per loro il diritto allo studio è sancito e tutelato dal contratto collettivo del lavoro domestico. Il datore …

Lavoratori domestici: chi paga vitto e alloggio in caso di malattia?

In caso di malattia del lavoratore domestico non è l’Inps che deve farsi carico di corrispondere l’indennità ma il datore di lavoro il quale, una volta informato dal proprio dipendente, dovrà pagare il periodo di malattia secondo lo schema riportato. Cosa succede nel caso di un lavoratore domestico che percepisce il vitto e l’alloggio? Poniamo …

Assegni familiari alla badante: chi li paga?

L’assegno al nucleo familiare è un riconoscimento economico che eroga l’Inps per le famiglie dei lavoratori dipendenti, compresi quelli domestici. Questo diritto spetta a chi è in possesso dei seguenti requisiti: regolare contratto di lavoro, nucleo familiare composto da più persone e reddito sotto i limiti stabiliti annualmente per legge. Il datore di lavoro  non deve …

Tredicesima e contributi Inps: si chiude così il 2018 del lavoro domestico 

Siamo agli sgoccioli del 2018, vediamo insieme quali sono gli ultimi adempimenti che spettano ai datori di lavoro domestico. Primo fra tutti, l’erogazione della tredicesima mensilità al dipendente. In occasione del Natale, ed in ogni caso entro dicembre, al lavoratore domestico dovrà essere corrisposta una mensilità aggiuntiva. Il calcolo della tredicesima tiene conto della retribuzione mensile globale di fatto e …

Colf, baby-sitter e badanti: quale inquadramento contrattuale?

Quando ci si trova a dover assumere un lavoratore domestico, fra le prime questioni da affrontare c’è quella di individuare il corretto livello di inquadramento contrattuale, anche al fine di evitare futuri contenziosi. A tal proposito è necessario porsi queste semplici domande: 1) il lavoratore dovrà occuparsi solo delle pulizie della casa, del giardino e …

Quali le tutele in casi di infortunio per i lavoratori domestici?

In caso di infortunio sul lavoro anche il lavoratore domestico ha diritto alle prestazioni erogate dall’INAIL.   La contribuzione versata dal datore di lavoro all’Inps, su base trimestrale, comprende sia i contributi previdenziali che quelli assicurativi dell’INAIL e CASSACOLF a copertura degli eventi di infortunio e malattia.  È considerato infortunio sul lavoro ogni incidente che avviene per causa violenta mentre si svolge …

Mettiamo nel salvadanaio il TFR dei nostri collaboratori domestici

I lavoratori domestici, come stabilisce il contratto collettivo all’art. 40, hanno diritto al trattamento di fine rapporto, detto TFR. Il suo importo corrisponde, approssimativamente, all’ammontare delle retribuzioni percepite nell’anno (comprensive del valore convenzionale di vitto e alloggio), diviso per 13,5 ed incrementato dell’aumento del costo della vita, accertato ogni anno dall’ISTAT. Non è possibile frazionare …

Tutela della malattia e dell’infortunio per le collaboratrici domestiche

Il CCLN di categoria regola nel dettaglio la malattia e la relativa indennità per i lavoratori domestici che, in qualità di dipendenti privati a tutti gli effetti di legge, devono rispettare le regole generali per le visite fiscali e le fasce orarie di reperibilità. Quindi, così come per i lavoratori dipendenti, le fasce di reperibilità …

Congedo straordinario frazionato

DOMANDA Dal 5 agosto al 15 settembre Alina, la badante che assiste mia madre da ormai due anni, va in vacanza nel Suo paese. Poiché ogni novità per mia madre è motivo di ansia e agitazione, vorrei evitare di assumere una badante in sostituzione di Alina per quelle settimane, quindi vorrei essere io ad occuparmi …

Contributi alle badanti: arriva la prima scadenza

Martedì 10 aprile è la data ultima per procedere con il pagamento dei contributi previdenziali e della cas.sa.colf (contributo malattia dei lavoratori domestici), relativi all’attività lavorativa del primo trimestre del 2018. Il calcolo da eseguire deve tenere conto delle ore lavorate e delle ferie fruite dalla collaboratrice domestica dal 1° gennaio al 31 marzo 2018. …